OSM Elevation service should be up again.

If you doesn't want to use OSM Elevation API you can try to do a GPX on RideWithGPS site and import it on the editor

Please don't spam us mail and PMs that we won't answer and notice that the official language of forum is English.

I percorsi del Buiaccaro

Mostra qua le tue creazioni in italiano.
Post Reply
User avatar
buiaccaro
Spettatore
Posts: 4
Joined: 19/09/2016, 23:49

I percorsi del Buiaccaro

Post by buiaccaro » 07/07/2017, 11:25

Dove parlare dei percorsi di un tracciatore compulsivo

User avatar
buiaccaro
Spettatore
Posts: 4
Joined: 19/09/2016, 23:49

Re: I percorsi del Buiaccaro

Post by buiaccaro » 08/07/2017, 16:22

Carissimi, a questo link potrete trovare un percorso tracciato per il contest con l'idea di celebrare le vittorie di Bartali al Tour nel 1938 e nel 1948.
Ditemi che ne pensate

maps/tours/view/5911

Le caratteristiche che celebrano quei Tour:
- Bartali tra il '38 ed il '48 vinse 9 tappe in 8 differenti città (2 volte a Briançon). Tutte le città dove Bartali ha vinto sono arrivi di tappa.
- La seconda cronometro ha le stesse città di partenza e arrivo di quella svolta nella 20° tappa del Tour del '38
- Un arrivo in Italiano poteva mancare. Avendo già 8 arrivi di tappa predefiniti, raggiungere Ponte a Ema era praticamente impossibile. Quindi ho scelto l'unico arrivo italiano di quei due Tour: Sanremo. A Sanremo arrivò la 11° tappa nel 1948 con la vittoria di Gino Sciardis
- La tappa di Briançon ricalca quella del !948 con gli stessi colli (Allos, Vars e Izoard)

Le caratteristiche generali
- prima settimana dedicata più a passisti e cronomen. Le due cronometro del Tour sono la prima domenica ed il secondo sabato, inoltre alla terza tappa c'è un piccolo Giro delle Fiandre e la seconda domenica, a chiudere la settimana, la tappa del pavé con 7 settori. Ci sono anche una tappa sulle Cote della Liegi-Bastogne-Liegi ed una con arrivo sui Vosgi discretamente impegnativa
- la seconda settimana è quella del Mont du Chat e delle Alpi. Tre tappe di alta montagna con le ultime due consecutive il sabato e la domenica
- l'ultima settimana è equamente divisa tra tappe di montagna, tappe mosse e tappe piatte alternate (2 tappe per ogni categoria). Alla penultima tappa l'ultimo giudice della corsa è un tappone sui Pirenei Atlantici, sempre troppo poco sfruttati dal Tour
- i giorni di riposo sono nel secondo e nel terzo lunedì
- il percorso non va nel centro della Francia ma sempre lungo le coste ed i confini (in 4 occasioni anche oltre i confini). Questo perché avendo 8 arrivi di tappa già definiti, il disegno ha dovuto seguire quello schema e, all'epoca, quei Tour si svolgevano nella parte esterna della Francia
- c'è un solo arrivo in salita. In generale a me non piacciono perché spesso trasformano le tappe in una lenta transumanza verso l'ultima ascesa. Non metterli però mi pareva eccessivo e quindi uno ce ne è
- i chilometri a cronometro sono 56, tutti nella prima settimana
- i trasferimenti sono tutti 'umani'. Il più lungo per distacco è quello da Marsiglia a Montpellier di 170 km tutti di autostrada. In questo caso non considero i trasferimenti legati a giorni di riposo
- in tutti i fine settimana sono state inserite tappe significative ai fini della classifica tranne la prima domenica e, ovviamente, l'ultima
- le volete non sono concentrate in un solo periodo (prima settimana) ma disseminate in tutto il Tour

Post Reply